Benessere Intestinale

Come ti senti dopo un pasto? Sazia? Piena? Gonfia?

Una giovane donna che ride e mangia un'insalata con verdure e frutta che aiutano il sistema digestivo a rimanere in salute

Cosa succede al cibo dopo che lo abbiamo mangiato?

Non appena mettiamo il cibo in bocca, inizia il processo digestivo. La digestione descrive il processo di scomposizione e trasformazione del cibo in pezzi più piccoli che il corpo può assorbire. Questo è importante perché il nostro corpo usa il cibo digerito per produrre energia come materia prima per riparare e costruire nuovi tessuti. Digerire il cibo è un processo in due parti, metà meccanico e metà chimico. La digestione meccanica inizia nella bocca. Mentre masticate il cibo, i vostri denti rompono e macinano il cibo in pezzi più piccoli, rendendo il cibo più facile da inghiottire. Il cibo viene poi spinto giù nello stomaco, venendo ulteriormente rimescolato mentre si muove. Anche la digestione chimica ha luogo, iniziando non appena vediamo e odoriamo il cibo, innescando un rilascio di enzimi. Gli enzimi rompono il cibo in piccoli pezzi e rilasciano le sostanze nutritive in frammenti facili da assorbire che il nostro corpo può usare, conservare o costruire.

Una giovane donna versa dello yogurt in una ciotola. Un tavolo pieno di varie tipologie di frutta e bacche. Questi prodotti sono pieni di vitamine

Come ci si sente quando si ha gonfiore addominale?

La maggior parte di noi può sentire l’esigenza di allentare un po’ la cintura o indossare qualcosa di più comodo dopo un pasto abbondante… È normale che lo stomaco si espanda e che si senta un po’ di gas dopo aver mangiato, perché c’è molta attività in corso nell’intestino. Ma di solito la situazione si risolve e tutto ritorna alla normalità dopo che si è digerito – girovita compreso. Il gonfiore allo stomaco può dare una fastidiosa sensazione di pienezza, aria o pressione in qualsiasi punto della pancia. Ci sono diverse ragioni per cui le persone sperimentano il gonfiore e per alcune di esse il gonfiore può essere più frequente e a volte può essere particolarmente spiacevole. Ci sono diverse ragioni per cui alcune persone sono più suscettibili al gonfiore rispetto ad altre, ma per molti ci sono semplici accorgimenti per gestirlo giorno dopo giorno. Tuttavia, se pensi di soffrire di un gonfiore anomalo e dolore addominale o ti senti costantemente troppo pieno dopo aver mangiato, ti consigliamo di consultare il tuo medico per un consiglio.

Un tavolo pieno di diversi dolciumi e caramelle, come cupcakes, barrette di cioccolata, gelato etc.

Cibi che hanno più probabilità di farti sentire gonfio.

Potresti aver notato che alcuni cibi hanno maggiori probabilità di farti sentire gonfia rispetto ad altri. Un gruppo di zuccheri chiamato FODMAPS è un esempio di un gruppo di alimenti che è collegato al gonfiore2 FODMAP sta per oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi e polioli fermentabili.

Questi esistono in alcuni alimenti ricchi di carboidrati, come biscotti, torte, ciambelle e frutta secca, grano, segale e fagioli e legumi. Quando passano nel colon, i batteri sani che ci abitano si attivano. Fermentano questi zuccheri e, così facendo, producono molto gas.

Una tabella con consigli su come evitare il gonfiore: prendi nota dei cibi che ti causano gonfiore, bevi tanti acqua, reduci l'assunzione di alcol e cafferina e fai attivita' fisica regolarmente

Scopri i nostri fermenti lattici

 

Disclaimer: le informazioni contenute in questo articolo non intendono fornire consigli medici o diagnosticare o curare malattie o disturbi di salute. Sono puramente a scopo informativo. Prima di intraprendere qualsiasi trattamento o modificare la propria dieta chiedere sempre il parere del proprio medico o di uno specialista.

 

1 Lacy BE, Cangemi D, Vazquez-Roque M. Management of chronic abdominal distension and bloating. Clinical Gastroenterology and Hepatology. 2020 Apr 1. https://www.cghjournal.org/article/S1542-3565(20)30433-X/fulltext

2 Nanayakkara WS, Skidmore PM, O’Brien L, Wilkinson TJ, Gearry RB. Efficacy of the low FODMAP diet for treating irritable bowel syndrome: the evidence to date. Clin Exp Gastroenterol. 2016;9:131-142. Published 2016 Jun 17. doi:10.2147/CEG.S86798. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4918736/



SFI Health

SFI Health

Scrittore ed esperto